Piegare le pochette? Un gioco da ragazzi: scopri come si fa

I fazzoletti da taschino sono uno di quegli accessori di cui, all’atto pratico, forse si potrebbe più fare a meno; ma è proprio per questo motivo che essi conferiscono a chi li indossa un aspetto così attento al proprio look, oltre che particolare e ricercato. Per collocare nella tasca della vostra giacca preferita una pochette esistono diverse tecniche: ecco quali sono le principali, ideali per creare un riuscitissimo abbinamento!

Esistono tecniche di ogni tipo per conferire a una pochette la sua forma definitiva e permetterle così di fare capolino dalla tasca della giacca nel modo più elegante possibile. A voi la scelta…

Pochette a una punta

Il fazzoletto va piegato a metà sino a far combaciare perfettamente i lembi ed ottenere un triangolo isoscele, con il lato lungo verso il basso. Dopodiché si prendono le due piccole punte in basso e le si piegano su se stesse, verso l’interno, fino ad ottenere una forma simile a una piccola busta.

Uomo con pochette che si aggiusta i gemelli

Et voilà, il gioco è fatto: la pochette va infilata nel taschino e aggiustata sino a far emergere la porzione triangolare desiderata di tessuto.

Pochette a due punte

Analogamente alla tecnica precedente, si piega a metà la pochette ma facendo in modo che le “punte” in alto non siano sovrapposte perfettamente, bensì leggermente sfasate. Poi le due punte laterali in basso, come prima, vanno piegate verso l’interno ottenendo così una pochette caratterizzata dalla presenza di due distinte estremità appuntite.

Pochette dal taglio piatto

Chi, al posto di una forma a punta, desidera che dalla tasca emerga una striscia di tessuto orizzontale del proprio fazzoletto da taschino, potrà procedere in questo semplicissimo modo. La pochette va piegata a metà sino ad ottenere un rettangolo, che a sua volta andrà parzialmente piegato in modo tale da far emergere lo spessore desiderato.

Uomo con completo, gilet, cravatta e fazzoletto da taschinoPochette “a sbuffo”

Invece di una forma geometrica preferite un fazzoletto da taschino dall’aspetto più ‘soft’? Allora fate così: stendete il quadrato di tessuto su un piano orizzontale e con due dita afferratelo nel centro, sollevandolo. I lembi di questa sorta di drappeggio vanno accostati, dopodiché si può posizionare delicatamente la pochette nella tasca, ravvivandola con le dita sino ad ottenere una piega morbida e simmetrica.

Pochette “a sbuffo” ripiegata

Questa variante del metodo precedente condivide con esso i passaggi fino al momento di accostare i lembi della pochette. La parte superiore, quella che per intenderci tenevate tra le dita, va ora ripiegata su se stessa verso il basso: a questo punto potrete infilare il fazzoletto nel taschino e, anche in questo caso, conferirgli volume e forma sino a ottenere il risultato desiderato.

Questi sono solamente alcuni dei metodi che si possono adottare per piegare le pochette; abbiamo deciso di concentrarci sui più semplici ma, una volta che vi destreggerete bene con queste tecniche, potrete tranquillamente passare a qualcosa di più complesso consultando utili risorse online come, ad esempio, video e tutorial.

A proposito di consultazione: date un’occhiata ad Andrew’s Ties, sito di e-commerce su cui sono disponibili per l’acquisto online tanti modelli di pochette dai quali trarre ispirazione per il vostro stile delle occasioni speciali!

Pochette arancio

Pochette arancio

Pochette blu navy con pois verdi

Pochette blu navy con pois verdi

Pochette salvia con puntini bianchi

Pochette salvia con puntini bianchi