Annodiamo la cravatta con il nodo piccolo o “orientale”

Per imparare ad annodare una cravatta si comincia con in genere un nodo semplice, ma ve n’è un altro davvero facile da imparare, ideale per chi ha poco tempo a disposizione: il nodo orientale, detto anche “piccolo” per via delle sue ridotte dimensioni. Scopriamo subito come si fa e con quali cravatte è adatto!

Se anche voi siete tra le persone che la cravatta la tirano fuori dall’armadio solamente per poche occasioni Annodiamo la cravatta con il nodo semplice o "orientale"all’anno, può capitare che vi sentiate un po’ arrugginiti quando dovrete indossare questo accessorio – e, soprattutto, annodarlo – a distanza di qualche mese dall’ultima volta.

Il nodo piccolo o orientale è quel che fa per voi: semplice e veloce da eseguire, questo modo di annodare la cravatta è una vera e propria ancora di salvezza. Ecco la tecnica con la quale potrete realizzarlo:

  1. Posizionate la cravatta intorno al collo, al rovescio, con la gambetta (ovvero la parte stretta della cravatta) sul lato destro, e poco più lunga della gamba (l’estremità opposta)
  2. Incrociate la gambetta sulla gamba
  3. Fate girare la gamba intorno alla gambetta, lasciando un dito in mezzo per creare un’asola
  4. Sollevate poi la gamba verso l’alto, facendola passare da dietro all’interno del doppino, e poi infilandola sul davanti nell’asola lasciata precedentemente
  5. Stringete delicatamente sino a portare il nodo all’altezza desiderata

Se nonostante la sua semplicità non avete mai sentito parlare finora del nodo orientale, non stupitevi: si tratta infatti di una tecnica poco utilizzata perché presenta qualche piccolo compromesso con il quale fare i conti.

In questo nodo la gambetta infatti si trova rivoltata al contrario; normalmente non vi sono problemi perché a nodo ultimato essa risulta coperta dalla gamba. Tuttavia, se proprio vi dà fastidio, basta che diate all’estremità sottile una rotazione in più di mezzo giro durante l’annodamento per far sì che risulti alla fine dritta.

Altro problema legato al nodo orientale è che, a differenza di quello semplice, non si scioglie tirandolo: comunque non è difficile disfarlo, perché basta seguire al contrario la procedura di annodamento.

Con quali tessuti è indicato il nodo piccolo? Vi consigliamo di ricorrere a questa tecnica per annodare cravatte in maglia o comunque piuttosto spesse, che riescano quindi a dare “corpo” al nodo mantenendolo ben saldo nelle ore successive.

 

Cravatta rosso scuro con righe

Cravatta rosso scuro con righe

Cravatta in maglia verde acido

Cravatta in maglia verde acido

Cravatta in maglia blu con righe lilla

Cravatta in maglia blu con righe lilla