Il papillon, un accessorio sottovalutato tutto da (ri)scoprire

Mentre le prime cravatte, seppur molto diverse da quelle attuali, iniziarono a diffondersi intorno alla seconda metà del XVII secolo, bisognò aspettare la fine dell’Ottocento per assistere alla nascita della più classica delle loro varianti: proseguite nella lettura per conoscere l’affascinante storia del papillon.

Uomo che indossa papillon rosso con camicia grigia e bretelle nereNate in Francia nel Seicento, su ispirazione dei fazzoletti che i mercenari croati al servizio di Luigi XIII erano soliti annodarsi al collo, le cravatte rimasero i simboli incontrastati delle classi altolocate per almeno due secoli.

In epoche più recenti, furono invece i papillon ad essere considerati il nuovo must della moda e come tutti gli accessori anch’essi subirono significative trasformazioni nel loro aspetto.

I primi papillon erano infatti delle strisce di tessuto che legate al collo formavano un fiocco, dall’aspetto molto simile a quello dei foulard. Poi, però, la rivoluzione: intorno alla metà del 1880 nacque lo smoking, e con esso anche i moderni farfallini dall’aspetto ordinato ed elegante.

Pare che l’invenzione di questa nuova mise si debba al magnate americano del tabacco Pierre Lorillard IV, che nel suo circolo Tuxedo Club introdusse un nuovo modo di vestirsi che ancor oggi è considerato tra i più eleganti: smoking nero, camicia bianca e papillon nero. E il termine “tuxedo” venne scelto, appunto, per identificare in lingua inglese lo smoking, completo che contribuì a mandare in soffitta i frac a coda di rondine ormai considerati demodé.

Marlene Dietrich che indossa smoking, tuba e papillon biancoNon ci volle molto perché il papillon diventasse un accessorio irrinunciabile ed iconico, che a distanza di decenni rimane legato a doppio filo a personaggi che hanno fatto la storia del mondo dello spettacolo come ad esempio Frank Sinatra, Frad Astaire o Charlie Chaplin.

Anche le distanze tra i sessi legate a quest’accessorio furono ben presto destinate a cadere, poiché tra gli anni ’20 e ’30 dello scorso secolo l’utilizzo del farfallino divenne popolare anche nel panorama del jet set femminile. Come dimenticare ad esempio Katharine Hepburn con un farfallino legato al collo, oppure Marlene Dietrich e i papillon bianchi che amava indossare “solo per l’immagine. Non per me stessa, né per il pubblico, né per la moda, e nemmeno per gli uomini”?

Oggi i papillon non sono praticamente più indossati dalle donne, e anche per quanto riguarda l’abbigliamento maschile il loro uso è stato soppiantato da quello della cravatta. Ciononostante, il farfallino rimane per gli uomini un insuperabile emblema di stile ideale per le occasioni speciali, come ad esempio i matrimoni, le cene di gala o gli avvenimenti mondani più importanti.

Papillon blu tiffany

Papillon blu tiffany

Papillon argento

Papillon argento

Papillon rosso

Papillon rosso